Novità salone del mobile 2017

“Infine, in questo Salone del Mobile highlight, non poteva mancare Gervasoni. In uno stand in fiera arredato con pareti argentate, tra le proposte pensate per saloni moderni c’è il nuovo tavolo Next 236 (immagini qui sotto), con base in cemento, finiture crackle e piano in abete laccato. Da abbinare alla lampada Black 95, con stelo in ottone grezzo e diffusore in vetro opalino.

Il soggiorno per eccellenza è sempre stato composto da poltrone e divani, ma quali sono le nuove tendenze per il living?

I nuovi trend arrivano dal Salone del Mobile 2017, trend forte e schietto di eleganza e comodità (come le famose poltrone relax e confortevoli, vedi: https://www.myhomestyle.it), è stato rivisitato il gergo danese “hygge” che significa atmosfera piacevole ed accogliente di stile raffinato.

Ovvero, il senso estetico del bello non ostentato, sapientemente colto attraverso la scelta di materiali, dettagli e finiture pregiate.

Fra i prodotti di spicco sono stati presentati il divano “”Viktor“” di Baxter, divano di eleganza eccelsa con finiture in morbida pelle color cognac.

Saba presenta il divano “”Quilt“”, progettato per creare ambienti stile anni 50 con l’aggiunta di linee avvolgenti e sontuose, trapuntatura lungo i cuscini della struttura portante e dello schienale che crea un’elegante motivo geometrico.

Anche Meridiani presenta un’alternanza di materiali preziosi attraverso il suo divano “”Hector“”, morbido velluto contornato da materiali di pregio per le rifiniture, molto piacevoli al tatto.

Non poteva mancare Gervasoni che ha presentato vari oggetti fra i quali il nuovo tavolo “”Next 236“” con base in cemento, finiture crackle e piano in abete laccato, da abbinare alla lampada “”Black 95“”, diffusore in vetro opalino e stelo in ottone.”

Pubblicato in news | Lascia un commento

Ristrutturazione di un immobile con materiali di pregio

Ristrutturazione: da dove cominciare

Quando si procede con l’acquisto di un immobile di lusso, è bene mettere in conto anche la possibilità di dover effettuare la ristrutturazione dell’immobile con materiali di pregio.
Nel caso in cui si comprasse un immobile di lusso in un palazzo d’epoca, al centro storico di Roma, si potranno trovare sicuramente eleganti finiture, decorazioni come le boiserie e materiali come il cotto antico. Dato il pregio e l’età antica che potrebbe avere l’immobile, richiederà nel tempo, se non subito, una buona e attenta ristrutturazione. Il primo passo da compiere è cercare una società di ristrutturazione specializzata negli interventi di ristrutturazione e manutenzione degli edifici. È bene che offra servizi nel campo, ad esempio dell’impiantistica sia elettrica che idraulica, nelle finiture d’interni e nel campo della muratura. Deve essere una società composta da un team di professionisti come geometri, architetti e periti interni e non solo, devono essere presenti anche esperti di tutti i rami che hanno a che fare con la manodopera come gli elettricisti, i muratori e gli idraulici. Inoltre si devono rivolgere a fornitori che mettano a disposizione sempre i migliori prodotti del loro settore.

Come procedere con la ristrutturazione?

La ristrutturazione, in base alle necessità, si può dividere in:

  • ristrutturazione parziale;
  • ristrutturazione totale.

Nel primo caso, ovvero nella ristrutturazione parziale solitamente si svolgono lavori che non richiedono grandi operazioni come, ad esempio la tinteggiatura delle pareti. Nel secondo caso, ovvero nella ristrutturazione totale è bene procedere con il rilevamento degli spazi da ristrutturare e di conseguenza creare un progetto dove sono riportati tutti i lavori che sarà necessario eseguire.
Si può decidere di svolgere tutte queste attività sia autonomamente rivolgendosi poi a un impresa che procederà a mettere in atto tutti i lavori di manovalanza, oppure sin dall’inizio si potrà decidere di affidare tutte le operazioni a una società specializzata. Certamente per la ristrutturazione non si può fare a meno di uno specialista, di un esperto in materia, che in particolare si occupa di tutti gli interventi che riguardano la struttura dell’abitazione. Dunque scegliere lo specialista giusto è molto importante per una buona riuscita del tuo progetto. Per questo motivo la scelta si deve soprattutto basare sulla professionalità e sulle competenze dell’impresa.

Costi, Incentivi e Detrazioni Fiscali per la ristrutturazione di un immobile

La ristrutturazione come si può ben immaginare non ha un costo definito. Questo sicuramente varia in base a diversi fattori. Prima di tutto, a seconda che parliamo di una ristrutturazione parziale o completa il prezzo varierà di molto. In specifico, i materiali e gli impianti influenzano in maniera netta il costo dei lavori. Sicuramente non si può risparmiare sui materiali, devono essere assolutamente di qualità se l’obiettivo è quello di ottenere una buon risultato finale e che duri nel tempo. Anche gli impianti hanno una certa rilevanza, il prezzo sarà più o meno alto in base al tipo di intervento, ad esempio ci può essere la necessità di cambiarlo del tutto.

Ultimo, non meno importante, c’è da prendere in considerazione la locazione dell’immobile. Se la casa si trova ad esempio nel centro storico di Roma, sicuramente si potranno incontrare più difficoltà e di conseguenza la ristrutturazione sarà più costosa. Può capitare che ci sia la necessità di effettuare interventi esterni e di conseguenza per procedere c’è bisogno di chiedere dei permessi per occupare il suolo pubblico.

Per i lavori di ristrutturazione si ha la possibilità di beneficiare delle agevolazioni fiscali. Si consiglia di rivolgersi all’Agenzia delle Entrate e al proprio Comune di residenza. Si può prendere visione delle normative vigenti direttamente dal loro sito. Di anno in anno vengono effettuati degli aggiornamenti quindi è bene verificare prima di procedere con la richiesta.

Infine è importante confrontare più preventivi per valutare e scegliere quello che più si adatta alle vostre esigenze.

Pubblicato in news | Lascia un commento

Conviene investire nel Fotovoltaico nel 2019?

Il fotovoltaico sta vivendo una nuova fase di popolarità in Italia. Sempre più famiglie decidono di efficientare la propria casa con le energie rinnovabili. Vorresti anche tu installare il fotovoltaico ma non sai se è realmente ancora conveniente? Ecco 4 motivi per cui il fotovoltaico conviene nel 2019!

Il primo motivo è che i prezzi sono in forte calo quest’anno. Complici alcuni fattori socio-economici, come l’arresto della domanda nel mercato cinese, i prezzi dei pannelli fotovoltaici caleranno fino al 35% nel 2019. Costeranno meno anche le batterie per accumulo, da molti desiderate ma che ancora spaventano per il costo elevato. Nel corso dell’anno il prezzo calerà per 3 fattori:

  • le materie prime come il litio costerà di meno
  • la tecnologia migliorerà le prestazioni delle batterie
  • aumentano i produttori e, di conseguenza, la concorrenza

Oltre il calo dei prezzi, nel 2019 conviene installare il fotovoltaico per usufruire delle detrazioni fiscali. Sono un bonus che lo Stato riconosce a chi migliora l’efficienza energetica della propria abitazione. L’impianto fotovoltaico diminuisce i consumi energetici, per questo rientra tra gli interventi da detrarre. È possibile recuperare il 50% di quanto speso per l’acquisto dei materiali e la manodopera. La richiesta va inoltrata durante la compilazione della dichiarazione dei redditi, ad esempio il 730 per chi lavora. Il rimborso avviene in 10 rate annuali. Ad esempio, se spendo 5.000€ per un impianto fotovoltaico, avrò diritto ad un rimborso pari a 2.500€ in 10 rate annuali da 250€.

Il terzo motivo per cui il fotovoltaico conviene nel 2019 è che oggi è possibile controllare la produzione tramite il monitoraggio. Tutti gli inverter di ultima generazione incorporano un sistema di monitoraggio da remoto. Tramite il sito web e/o l’app dedicata è possibile controllare in ogni momento quanto sta producendo il fotovoltaico. Alcuni modelli consentono anche di tracciare i consumi di elettricità e i prelievi dalla rete elettrica nazionale. Il vantaggio di monitorare il fotovoltaico è quello di poter adeguare le attività dentro casa alla produzione di elettricità gratuita. Un esempio è quello della lavatrice, un elettrodomestico che consuma molto energia. Quando noto dal monitoraggio una produzione di energia elevata, potrò azionare la lavatrice e pulire il bucato usando solo elettricità gratuita dal fotovoltaico.

Infine, nel 2019 sarà molto conveniente installare anche sistemi efficienti e rinnovabili per il riscaldamento, come la pompa di calore. È una macchina 100% elettrica che sfrutta fonti pulite già esistenti, come l’aria o l’acqua, per riscaldare e raffrescare casa. Il fotovoltaico abbinato alla pompa di calore è il miglior modo per risparmiare sui consumi e dire addio al gas!

Fonte: be-next.it

Pubblicato in news | Lascia un commento